Smart Building Network

Il monitoraggio dei consumi energetici negli edifici, specialmente pubblici, è di fondamentale importanza per ridurne i consumi. Questo approccio si fonda su un sistema di controllo ceSmart building networkntralizzato del parco edilizio distribuito che potrebbe portare a notevoli risparmi energetici ed economici con costi di investimento contenuti essendo fondati principalmente su automazione e intelligenza. Una rete capillare di sensori su ogni singolo edificio può trasferire in tempo reale le informazioni acquisite a una intelligenza remota che le elabora realizza diagnostica e controllo avanzato al fine di ottimizzare i consumi.

La dimensione della rete permette l’analisi comparata di molti edifici il cui comportamento può essere modellato sulla base dei dati di consumo e di forzanti raccolti nel monitoraggio remoto; pertanto è possibile identificare quegli edifici in cui le criticità sono più elevate al fine di prendere azioni più incisive sulle specifiche cause.

Smart home, integrazione con servizi sociali e smart appliances

Smart building network 2A livello residenziale la dotazione  di infrastrutture  di supporto all’interno delle abitazione permette di controllare il consumo degli elettrodomestici ed  effettuare diagnostica, così da assicurare il risparmio energetico e ambientale.
La connessione delle abitazioni ad un urban cloud consente al singolo cittadino di accedere a servizi innovativi integrati in un unico ambiente assicurando una maggiore partecipazione sociale. Questo sistema è in grado di sopportare lo sviluppo di differenti servizi ad hoc per le diverse esigenze dell’utenza e più in generale della collettività. 

Ottimizzazione distretti smart, demand response

A livello più ampio la disponibilità di un sistema di controllo centralizzato consente la gestione avanzata dei flussi energetici, basato sulla produzione e la gestione integrata Smart building network 3delle diverse fonti energetiche rinnovabili e dei relativi sistemi di distribuzione in ottica Smart Grid.

Lo sviluppo e la realizzazione della Smart Grid,  rende possibile il Demand Response:  la rete elettrica “intelligente”, è in grado di adattarsi  dinamicamente alle variazioni di richiesta  di energia da parte dei consumatori. Grazie a questo tipo di rete può avvenire la comunicazione bidirezionale tra fornitori di energia e clienti. I fornitori possono vedere il consumo istantaneo di energia di ogni abitazione e, con il consenso del cliente, interagire con esso. In prospettiva, il consumatore sarà abilitato a diventare parte attiva nel business energetico, potendo decidere quando e come consumare.

L’integrazione tra produzione distribuita e ottimizzazione dei consumi energetici, a livello di singola abitazione, ma anche per complessi di edifici pubblici e privati, è in grado di assicurare cospicui vantaggi economici senza rinunciare al confort per gli utenti.

Smart building network 4(ingrandisci)

Policies e soluzioni paese per edifici pubblici

Sulla base di quanto sopra detto, l’ENEA sta sviluppando una soluzione tecnologica ottimale per la supervisione remota del patrimonio di edifici pubblici che possa risultare  efficace e competitiva ed essere proposta come soluzione nazionale per la gestione di edifici pubblici. Tale architettura punta ad abbattere i costi e gli investimenti di automazione a livello locale e a investire sulla parte di intelligenza a livello di sistema di supervisione, permettendo una capacità diagnostica e di ottimizzazione molto più potente a costi molto contenuti, piuttosto che una replicazione diffusa di tali capacità. L’obiettivo è quello di ottenere la massima efficienza energetica con il minimo investimento e pertanto abbattere il tempo di ritorno dell’investimento.


Progetti in corso relativi alla tematica illustrata:
•    City 2.0;
•    Smart Village;
•    Res Novae.